Latina: all’eucarestia ostie alla marijuana. Così il parroco attirava i giovani in parrocchia

I carabinieri del nucleo operativo della provincia di Roma, insospettiti dall’aumento dei fedeli, soprattutto ragazzi, la domenica mattina in una piccolissima parrocchia alle porte di Latina, allertati anche dal drastico calo di consumo di droghe leggere (come denunciato da numerosi pusher albanesi e nigeriani) hanno arrestato il parroco della suddetta chiesa, Don Roberto Minghi che somministrava ostie alla marijuana durante l’eucarestia ai fedeli.

loading...

Non ci trovavo niente di male” ha dichiarato il giovane parroco, “Quello da me adoperato è un modo per invogliare i ragazzi a venire a messa, e fino a questo momento ha funzionato alla grande. Inoltre la ricetta per le ostie è semplicissima, l’erba è a kilometro zero, me la coltivo io con l’aiuto delle pie donne della chiesa, nel giardino adiacente. La domenica ogni funzione diventava una festa: tutti a cantare, ballare e ad abbracciarsi: gioia pura! Non c’è niente di più soddisfacente per un parroco, ho risvegliato solo la fede nei ragazzi. Le strade del signore sono infinite…io ne ho percorsa una delle tante possibili

In effetti la fila per entrare in chiesa era così lunga che a volte non bastavano i posti a sedere. Era quasi diventato  un problema di ordine pubblico. La curia locale auspica una rapida scarcerazione del parroco. La perpetua, assistente del prete nella coltivazione delle piante (al momento non indagata per alcun reato), ha dichiarato ai giornalisti le seguenti parole: “ Se il Signore ci ha donato quell’erba ci sarà pure un perché”. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi della vicenda.